martedì 16 aprile 2013

Paroladordine: organizzare il (mini) ripostiglio

Caro Diario,
 il tempo passa e sempre troppo in fretta.
 Soprattutto quando vorrei arrivare presto a un dunque, ma... non c'è tempo!
 Intanto posso tirare una riga sulla voce "(mini) ripostiglio": esso c'è.
 E' il gemello della dispensa, anche lui ricavato nel sottoscala: stessa altezza e stessa profondità. Anche lui è un vano scomodo perché basso, ma comodo perché grande. Talmente grande che lo riempio solo per non far eco.
 Lo attrezziamo con quel che abbiamo:
- due vecchissimi cesti verde prato (che hanno visto tutti gli angoli e tutti i mobili di casa, prima di approdare qui);
- un vecchio carrellino a tre ceste, acquistato per il bagno del nostro primo appartamento (e poi lasciato ad appassire sotto il sole e le intemperie sul balcone);
- la vecchia mensola ricoperta di carta adesiva bianca;
- la carta a quadrettini vichy per ricoprire l'interno delle ante.

 Di nuovo acquistiamo:
- il gancio per il tubo dell'aspirapolvere;
- il gancio per lo spazzolone da parquet;
- lo scaffalino appeso all'anta sinistra;
- le maniglie.

 Prima di riuscire a completarlo, ci incagliamo nelle ante: niuno di noi ha il desiderio spassionato di rivestirle. Assurdo, ma vero.
 Il fatto è che c'è sempre qualcosa di più importante da fare di certe quisquilie - è così che molti progetti in casa nostra rimangono per settimane in modalità "lavori in corso".
 Ma domenica mattina, armati di colla spray, taglierino e santa pazienza, ci mettiamo all'opera: in quattro e quattr'otto incolliamo l'incollabile (pure i teli di plastica che rivestono il tavolo su cui operiamo - ehm), rimontiamo le ante, avvitiamo scaffali e ganci... et voilà!



 Avere finalmente un ripostiglio umano, in cui radunare tutto il necessario per pulire il piano terra, mi rasserena. Aver cancellato una voce sulla lunga lista delle cose da fare, invece, rasserena il marito.
 Anche se stavo meditando, mio caro Diario: non starebbe meglio se pitturassi l'interno dello stesso verde della parete del bagno?
 Nel caso, lo dici tu al marito?

(-252; determinazione: media; umore: buono;obiettivo: organizzare il "mini" ripostiglio; risultato: ottenuto)

7 commenti:

  1. tu sei un genio indiscusso!!!!! meraviglia

    RispondiElimina
  2. Mayda, non è nulla in confronto al tuo stupendo ripostiglio/lavanderia! Quei colori, quell'armonia, quel tocco d'allegria...

    RispondiElimina
  3. vuoi farci far venire attacchi di invidia perniciosi? Ci sei riuscita! :)

    RispondiElimina
  4. Concordo con sopra:che invidia!

    RispondiElimina
  5. Va bene, ve lo dico: probabile nuovo ripostiglio al piano di sopra (che ora è malamente ospitato in un armadietto della lavanderia) :P

    RispondiElimina
  6. ti ho scoperta oggi cercando disperatamente soluzioni per il mio ripostiglio! Sto mettendo a posto casa nuova e ho letteralmente le mani nei capelli... e scatoloni ovunque. Adesso che ti ho trovata non ti mollo più però! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Martina, sono felice se posso esserti d'aiuto. Col tempo ho fatto di questa attitudine un lavoro: mi puoi trovare su www.paroladordine.org il blog che ho aperto un anno e mezzo fa, interamente dedicato all'organizzazione. Un abbraccio 😊

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...