mercoledì 17 aprile 2013

Pecore, tivù o libro?

Caro Diario,
 va bene, svegliarsi prima.
 Mmm. Svegliarsi prima non è un problema, anzi, mi sveglio molto prima della sveglia: alle due, alle tre, a volte alle cinque son lì nel letto con gli occhi aperti che ripeto "Dormi. Dormi. Dormi. E dai, su, dormi!". Ma, siccome non dormo, mi giro sul fianco, allungo il braccino, accendo l'abatjour, acchiappo il libro, lo sfoglio finché non trovo la pagina giusta e inizio a leggere. Magari anche per due ore di seguito.
 Quando mi sveglio prima dell'alba, mi sveglio sul serio. Quando mi sveglio dopo l'alba, vegeto. Chi sono? Cosa succede? E' già mattina? Uff.
 Tutta colpa della dose inconsueta di adrenalina. La sera mi tiene gli occhi aperti, col cervello ruminante pensieri - nonostante il sonno bestiale che m'intorpidisce la mente. E la notte, certe volte, mi blocca il sonno.
 La soluzione a questo grattacapo? Andare a letto prima non serve a nulla. Un bicchierino di vino potrebbe aiutare, lo so, ma potrebbe scatenare altri tipi di problemi (ehm) - meglio continuare con infusi e tisane. Contare le pecore è noioso, leggere dopo un po' stanca, guardare un film "pantofola" non si può (il marito dorme, potrebbe svegliarsi). Un unico sistema funziona: sognare a occhi aperti, immaginare qualcosa che mi piace talmente tanto, da distogliere l'attenzione dagli altri pensieri.
 E sai a cosa penso, mio caro Diario? Ai prossimi progetti di casa - ultimamente a come riorganizzare lo studio, alle sedie, le librerie, le luci, i quadri...
 Scommetto che il marito mi preferirebbe ubriaca.


(-251; determinazione: latitante; umore: pastello; obiettivo: svegliarsi prima; risultato: no comment)

4 commenti:

  1. Ale! Le tue riflessioni mi fanno pensare a quante cose ci accomunino, sopratutto la mente che continua a ruminare pensieri!
    Serena

    RispondiElimina
  2. e scommetto che il Baldo, invece, non ha problemi di insonnia... beato...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...