giovedì 26 gennaio 2017

Sapone di Marsiglia per tutti (e tutto)

Caro Diario,
  lo conosci il detto "chi non risica non rosica"?
  Ecco. Tutto inizia un pomeriggio d'agosto, mentre osserviamo le piante del giardino bucherellate dai bruchi. Mia zia pronuncia una frase innocente:
"Ho usato il metodo della nonna, ho immerso un panetto di sapone di Marsiglia in una bacinella d'acqua; il giorno dopo ho versato il sapone sciolto in un contenitore e l'ho spruzzato sulle piante. Problema risolto."
  Una frase innocente che continua a bussarmi in testa. Finché un giorno, nel bel mezzo della guerra contro i panni con macchie indelebili, trovo un panetto di sapone di Marsiglia e mi chiedo:
"Perché no?" 
  Lo prendo, lo scarto e lo immergo in una grande ciotola piena di acqua. Dopo quasi una settimana il sapone si scioglie del tutto e riempio quattro bottiglie, un bottiglione e due barattoli: mica male.
  Lo userò per allontanare gli animali dalle piante, per debellare le macchie, per lavare i panni in lavatrice e i piatti in lavastoviglie, come sapone liquido per mani, corpo e capelli.
  Praticamente per tre anni e qualche mese.

sorrisoa365giorni-saponedimarsiglia


2 commenti:

  1. Ottima idea così sciolto. Io lo uso sempre intero e strofinandolo per le macchie difficili della biancheria. Ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...