lunedì 14 ottobre 2013

Per la barba di Odino

Sabato, 12 ottobre 2013
Caro Diario,
 abito nell'occhio del ciclone.
 Da quando vivoo qui, ho paura dei temporali.
 Quando c'è una tempesta, il paese è preso di mira da fulmini e saette. Di solito, alle prime avvisaglie, inizia la corsa per staccare le spine elettriche dalle prese: telefoni, modem, computer, televisore. Corri, corri! Stacca, stacca! Un lampo... uno - due - tre - quattro... ka-boom! Bene, è ancora lontano: la casa è salva.
 E poi capita che, questa volta, il temporale si fa tormenta, e la tormenta cambia le regole: aumenta il passo, si posiziona silente sopra il tetto tra scrosci d'acqua e lancia saette, lampi, tuoni e fulmini dritto dritto sulla nostra testa. Ma ne basta uno solo.
Un lampo abbagliante ed esteso, un crepitio da far rizzare i peli e un tuono assordante. Tutto in poche frazioni di secondo.
 Il salvavita scatta, la luce si spegne, gli allarmi là fuori iniziano a ululare, la connessione internet si blocca davanti ai miei occhi. Oh, no.
 Mi ritrovo off-line contro la mia volontà. Scopro di avere una piccola crisi d'astinenza, che la mia vita on-line è multisfaccettata e piena, che mi manca la finestra sul mondo, che il marito di sera è abituato a sentirmi ticchettare sui tasti. E stasera che non ticchetto mi scruta preoccupato. "Non parlerai mica per tutta la serata, vero? C'è Alberto Angela in tivù..."
 Ah, ecco.


(-42; determinazione: on-line; umore: off-line; obiettivo: superare gl'imprevisti; risultato: crisi d'astinenza)

2 commenti:

  1. Aiut! come ti capisco bene, anche io mi sento così! Da noi non ci sono tanti fulmini ma la rete elettrica va e viene continuamente, basta un forte temporale ma soprattutto con la neve.
    Eh niente, ormai siamo spacciate.. senza non si vive più!

    RispondiElimina
  2. Anche io non resisto a lungo senza connessione... ho troppe splendide amiche virtuali e cose meravigliose da vedere!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...