martedì 27 agosto 2013

Distrazioni

Caro Diario,
 sono distratta.
 Sento nell'aria un profumo di novità. No, non è la caponata preparata dai vicini: è un qualcosa di impercettibile, così sottile e soave da insinuarsi beffardo nelle pieghe del cervello e confonderlo.
 Sto lavorando (giuro), mi sto impegnando (ri-giuro), eppure... Eppure fo fatica a seguire il dovere, e mentre sbatto le palpebre, vedo proiettate immagini luminose che mi solleticano. E distraggono senza rimedio.
 Il piacere. A volte basta una parola ascoltata per caso durante un incontro fortuito, una parola innocua, che si deposita in un cassetto della mente. Un cassetto difettoso, che non si chiude bene, e la parola si scioglie in una nuvola colorata, fuoriesce e si diffonde e riempie tutta la testa. Ahimè, è il mio pensiero fisso.
 Eppure, nonostante le ore passino e il lavoro resti lì, quasi fermo; nonostante mi disperi e cerchi di concentrarmi; nonostante tutto ciò, ho il sorriso sulle labbra: adoro le novità.

Della serie "mi son distratta un attimo"
 (-130; determinazione: usurata; umore: sfinito; obiettivo: resistere; risultato: mah...)

6 commenti:

  1. La tua è una distrazione poetica cara, perciò è sacra
    :-)

    RispondiElimina
  2. Cosa nasconde questa impercettibile voglia di nuovo? Felicità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una piccola cosa, ma, chissà perché, mi sembra grande come un veliero che salpa per mari lontani ;-)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Arredo da giardino, collezione primavera-estate 2013 ;-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...