venerdì 14 giugno 2013

Palloncini e sogni

Caro Diario,
 devo legarmi con un filo alla sedia, perché la mia testa oggi è un palloncino.
 I miei pensieri voglion volare in alto, oltre la coltre di nuvole, verso l'azzurro e il calore del sole. Spostarsi beati, senza fretta, rotolare sulle correnti d'aria, trasportati lontano, indifferenti e serafici.
 Sospiro.
 Un pensiero, più di tutti mi strattona per portarmi via. Un pensiero che ha la forma di un camper.
 Il mio desiderio struggente da piccola? Un camper giocattolo blu e rosso nella vetrina d'una cartoleria. Rimango tutto il tempo possibile appiccicata al vetro e mentre lo guardo sogno a occhi aperti. Ogni volta che ci passo davanti, ogni giorno. Finché mia madre non me lo regala. Il regalo più bello di tutti: quanti viaggi a zonzo, quanti amici a cena, quante fischiettate al volante!
 Poi cresco e mi ritrovo col naso incollato allo schermo del pc, ad ammirare certi camper perfetti e sognare - di nuovo - a occhi aperti.
 Da sempre sogno d'avere un camper: prima per gioco, poi per lavoro, ora per viaggiare tutti e tre assieme. Il nido su rotelle m'affascina e la sfida dello spazio piccolo m'intriga. La mia doppia anima da nomade pigra si placherebbe.
 Chissà?
 Intanto continuo a rimirare questa meraviglia.

vol25
(-203; determinazione: volata; umore: leggero; obiettivo: mmm? risultato: non pervenuto)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...