martedì 21 maggio 2013

Paroladordine: organizzare lo studio (1)

Caro Diario,
 questa è la storia di una libreria irrequieta.
 Premessa: quando acquistiamo questa casa, riesco a vedere già con occhi sberluccicosi come trasformare il vecchio e malconcio cassero in uno studio. Il mio studio. Nei miei progetti, tre pareti sono tappezzate di libri, vedo un'enorme libreria che si sviluppa tutto attorno, sopra la portafinestra e il passaggio verso il soggiorno. E sulla parete di sinistra, prevedo una nicchia per il pc, la stampante, il modem e tutto quel che serve.
 Dopo il trasloco, mi guardo attorno e mi rendo conto che la solitaria Expedit 5x5 e il tavolo della nonna non bastano, c'è bisogno di un'altra libreria. E così fa il suo ingresso una nuova Expedit pseudo 5x5, perché nel centro ha una nicchia per appendervi la tv.
 Prima versione La posizioniamo sulla parete di sinistra, inseriamo il pc al posto della tv, la stampante al posto del lettore dvd, il modem, attacchiamo un piano per tastiera estraibile, togliamo uno scaffalino per far spazio alla pcu. Perché il marito non la vuole per terra ("Prende polvere!" asserisce). Ma io non la sopporto: rompe la simmetria, troppo alta, troppo profonda (esce di 10 cm), troppo blu. Mumble mumble.
 Seconda versione Togliamo pc, pcu, stampante, modem, piano estraibile (che vanno a finire altrove - ma questa è un'altra storia), riposizioniamo lo scaffalino e inseriamo altri divisori verticali per modificare l'Expedit da pseudo 5x5 a vera 5x5.
 Ma il caso vuole che un giorno d'estate un fulmine improvviso dia il colpo di grazia al povero pc. E che un caro amico decida di cambiare tecnologia e ci dia il suo Mac. "Ehi, il Mac non ha pcu!" è il mio primo pensiero. E che sia giunto il momento di ridisegnare lo studio (leggi, trasformare la stanza della vergogna in un luogo accogliente in cui studiare, scrivere e lavorare). Mumble mumble.
 Terza versione Togliamo divisori verticali, libri e cianfrusaglie accumulatesi nel tempo, aggiungiamo un fondo, riorganizziamo i libri, aggiungiamo Mac, modem, telefono, lampada e due piani estraibili - uno per la tastiera, l'altro per la stampante. Et voilà!


 Quarta versione Anche questa è un'altra storia, ma non la conosco. Non ancora ;-)

(-226; determinazione: buona; umore: buono; obiettivo riorganizzare lo studio; risultato: in fieri)

7 commenti:

  1. fermati alla terza che è già una meraviglia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fermerò alla terza versione per un bel po', mi sa ;-)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Bè, uno studio davvero avventuroso... sono ansiosa di scoprire i prossimi sviluppi... :-)

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Grazie, Anna, sorella-di-studio-riorganizzato ;-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...