mercoledì 27 febbraio 2013

Lavori in corso: archivio (bis)

Caro Diario,
 questo archivio non s'ha da finire.
  Sarà anche vero che "le legura sensa cur, la sa ciapa a tutt'i urr", ma questa storia incomncia a farsi mooolto lunga.
 Stamane mi alzo con un mazzo di punti esclamativi piantanto in testa:
  1. ma le riviste superstiti (tutti i CasaFacile e i cataloghi Ikea dal 2008 a oggi), dove le metto? 
  2. E i libretti d'istruzione dei vari elettrodomestici, grandi o piccoli che siano, saranno comodi da prendere, in quella scatola di latta? 
  3. Perché mai i portariviste Kassett non sono compatibili con gli scaffali Billy (entrambi Ikea)? 
  4. Potrà essere utile questo vecchio portadocumenti a più tasche abbandonato al suo destino? 
  5. Le etichette, le lascio bianche o le coloro? 
  6. Riuscirò a riciclare egregiamente i vecchi portarivista Flyt e, soprattutto, come?
 Dilemmi esistenziali.
 Non posso nascondere, mio caro Diario, che la prima e la terza domanda mi causano un certo nervosismo: quando finalmente individuo i contenitori giusti, questi son fuori produzione - come le scatole con coperchio Kassett, quelle basse e perfette per contenere fogli A4 (e le riviste). Oppure non calzano a pennello coi mobili in cui devono stare - come i portariviste Kassett, che in sette occupano lo spazio di otto Flyt, senza nemmeno riempirlo bene.
 Ormai è chiaro: soffro di una forma acuta di horror vacui. Certi spazi vuoti m'innervosiscono.
 Nel corso della giornata, la nebbia in parte si dissipa:

  1. le riviste di CF andranno sugli scaffali superiori della Billy, divisi per anno in portariviste verticali;
  2. i cataloghi Ikea pure, vicino ai CF e ai libri d'arredamento;
  3. i libretti d'istruzione li smisterò in piccole scatole, suddivisi per tipologia (piccoli elettrodomestici, grandi elettrodomestici, mobili);
  4. il vecchio portadocumenti sarà perfetto per tappare il buco;
  5. le etichette staranno meglio bianche, mi sa;
  6. i vecchi portariviste andranno bene per i CF & Co., ricoperti e rinforzati sul fondo.
 In ogni caso, mio caro Diario, si accettano suggerimenti: sono sempre in tempo per cambiare idea.

(-299; determinazione: nebbiosa; umore: opaco; obiettivo: riorganizzare l'archivio; risultato: sempre in fieri)

2 commenti:

  1. Dato che ho anche io la Billy e i Kassett.. si rimane un buco... misteri svedesi!
    Io i libretti istruzioni/garanzie/documentazione li ho divisi nei portadocumenti kassett invece che nelle scatole, catalogati per "casa/mobili" (e li ci sono anche le dichiarazioni di conformità degli impianti), "grandi elettrodomestici" e "piccoli elettrodomestici". Anche se i librini sono piccoli li ho messi in una bista trasparente etichettata in alto, così estraggo il raccoglitore e col dito sfoglio in alto le buste finchè trovo l'etichetta giusta.... EH NO???!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, altro grande dilemma: i libretti d'istruzione nei portariviste o nelle scatole? Tutto dipende, mi sa, da quanto spazio occuperà il marito coi suoi documenti: se riempirà la prima fila dal basso, dovremo ripiegare sulle scatole (basse) perché il terzo scaffale della Billy è fisso (basso) :-/

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...