lunedì 25 febbraio 2013

Chez moi #12: brutta, ma buona

Caro Diario,
 oggi il mondo è bianco, là fuori.
 Nevica ormai da ventiquattro ore, senza soluzione di continuità. Ogni tanto a fiocchi piccolissimi, che sembrano gocce di pioggia densa, poi a fiocchi piatti e leggeri, che scendono indiavolati seguendo una traiettoria tutta loro. In giardino le sedie, il tavolo, l'erba, le reti sono ricoperti da una soffice trapunta bianca. Vien voglia di leccarla - saprà di vaniglia o di frutti esotici? -, come fa il Baldo.
 Giornata tranquilla, quindi. Apparentemente: coi nostri soliti ritmi laschi riusciamo a rilassarci, lavorare, giocare, cucinare, mangiare, gustarci un buon film, votare, passeggiare nel paesaggio bianco.
 Il Baldo è fantastico là in mezzo: zampetta sicuro e affonda nei cumuli ovattati alla ricerca dei messaggi lasciati dalle sue cagnoline.  Pare quasi che tutto quel bianco amplifichi gli odori. Noi sentiamo un profumo ancestrale di pulito e di nuovo. Le novità, ne sono sicura, sanno di neve.


 E' la giornata giusta per una torta da coccola, di quelle che già a prepararle rassicurano. La mia è la torta all'arancia, versione numero 3.
 Con gesti sicuri raccolgo gl'ingredienti, in ordine di apparizione li misuro e verso nella terrina, sbatto con la frusta ciò che devo, aggiungo l'ultimo tocco e inforno. Tutto senza nemmeno rendermene conto, talmente sono abituata e talmente è un conforto prepararla.
 Al rallentatore ecco quel che fo:
  1. sbatto le uova e lo zucchero in una terrina;
  2. aggiungo lo yogurt e mescolo;
  3. verso la farina e il lievito setacciati, continuando a mescolare;
  4. grattugio la scorza dell'arancia, la spremo e verso scorza e succo nell'impasto, sempre mescolando;
  5. taglio a tocchetti le albicocche disidratate (variante di oggi);
  6. (mi dimentico di aggiungere la cannella, ma forse è un bene, perché farebbe a pugni con le albicocche);
  7. bagno, strizzo e stendo nella tortiera un pezzo di carta da forno, vi rovescio l'impasto e aggiungo le gocce di cioccolato;
  8. inforno e, mentre aspetto, mi godo il profumo che pervade la casa (180°, 30')


  Brutta, ma buona.

(-302; determinazione: alta: umore: cristallino; obiettivo: cucinare; risultato: ottenuto)

3 commenti:

  1. Deve essere proprio buona, assolutamente da provare. Ps uuhhh ma cosa vedo... tovaglia toile de jouy posizionata, mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente della toile de Jouy in questa casa! Ed è solo l'inizio ;-)

      Elimina
  2. Deve essere proprio buona, assolutamente da provare. Ps uuhhh ma cosa vedo... tovaglia toile de jouy posizionata, mi piace!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...