mercoledì 2 novembre 2016

Cinquantesima settimana, delle promesse

Caro Diario,
  anche novembre arriva, coi suoi trenta giorni contati.
  Arriva, come ogni anno, in pompa magna: una vigilia, una festa, fiori e colori, candele e lumini, pacche sulle spalle e qualche lacrima - di ricordo o circostanza.
  Novembre spunta dalle nebbie mattutine e ci sveglia col sole già alto. Gioca distratto con  mucchi di foglie gialle e la sera, con uno sbadiglio freddoloso, se ne va a dormire presto. Come me.
  Il cambio d'ora m'intontisce: mi sveglio alle sette del mattino, ma son già le ex-otto; m'addormento come ubriaca alle nove di sera, ma son già le ex-dieci. Mangerei (notare il condizionale) a tutte le ore, ma lo farei già a tutte le ex-ore!
  Insomma, novembre avanza come un re burlone, si toglie il pigiama bianco-nebbia e indossa la divisa azzurro-cielo e rosso-foglie, mi guata con occhio critico e mi dice: "Con te faremo i conti, presto." Glab.
  A ottobre prometto ritmi laschi e meno impegni. Ma non mantengo: nuovi impegni (seppur bellissimi) pretendono ritmi allegri e - tra un insulto e l'altro a me stessa - mi adeguo. Come si può scegliere tra la salute e la realizzazione di un sogno, se una esclude l'altra e viceversa?
  A novembre prevedo nulla d'invariato: ritmi allegri e impegni da onorare. Cercherò di uscire spesso e trovare nuove sedie e nuovi tavoli da cui lavorare.

(-21; determinazione: raffreddata; umore: nebbioso; sorriso del giorno: ehm)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...