venerdì 14 febbraio 2014

Il Tai Chi e l'Amore

Caro Diario,
 son già cinque mesi di Tai Chi.
 Cinque mesi in cui imparo ad ascoltare il mio corpo. A occhi chiusi, lascio che i muscoli scivolino nella posizione e che comodamente vi rimangano. Il mio respiro indica il ritmo e il mio corpo danza leggero: piccoli movimenti, piccoli piaceri. Ci son delle volte che sorrido, perché quel che faccio mi piace e mi piace quel che imparo.
 C'è la mezz'ora di esercizi per respirare, per muovere braccia e testa assieme alla pancia, per sentire il pieno e il vuoto di un corpo in movimento. Spicco il volo come un drago dagli abissi del mare, nuoto come un orso nel fiume, scendo in picchiata come un'aquila che afferra la preda. Faccio le bolle di sapone in una tinozza e spruzzo la schiuma tutto intorno a me.
 Poi c'è la mezz'ora di esercizio. "Tai Chi Chuan Ti I lu" diciamo assieme, poi salutiamo e iniziamo questa danza antica, i movimenti che si svolgono fluidi l'uno nell'altro.
 Infine c'è la mezz'ora di applicazioni. La danza antica, infatti, è un'arte marziale e a ogni movimento sinuoso corrisponde una difesa contro l'attacco dell'avversario. Tradurre la lentezza in mosse veloci e sentirne l'efficacia in uno pseudo combattimento rende ancora più vivo il Tai Chi.
 Ma non imparo solo questo. Alla fine dell'ultima lezione l'insegnante ci dice:

"L'impegno non nasce dalla passione: è la passione a nascere dall'impegno." 

 Mi fermo e medito. Le parole cadono dentro di me, pian piano prendono significato e si accendono di luce. E' vero e me ne accorgo solo ora. Negli ultimi otto anni incontro persone e libri che parlano in lingue sconosciute, con voci che mai prima sono in grado d'ascoltare. Ho a che fare con loro tutti i giorni e m'impegno per riuscire a comprenderle. E mentre m'impegno incomincio a capirle, incomincio a voler loro bene, voglio saperne di più, mi appassiono. 
 Ed è così che mi capita ogni volta: a certe cose manco mi accosto (alcune m'intimoriscono), ma se mi capita, poi voglio conoscerle meglio e mentre le conosco me ne innamoro. Le chiamo "nuove avventure" e non sono altro che storie di nuovi amori.
 Sono una ex Q.Q. profondamente innamorata. 

{a.a.a. cercasi fonte disperatamente}

(-14; determinazione: serena; umore: nervosetto; sorriso del giorno: buon San Valentino!)

4 commenti:

  1. Grazie Ale, frase bella e "impegnativa". Stasera stai facendo meditare anche me
    E' sempre bello leggerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Manu! Le frasi illuminanti arrivano sempre quando meno te lo aspetti :-*

      Elimina
  2. Credo di aver bisogno anche io del Tai Chi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isa, è fantastico: già solo per il fatto che ti fermi ad ascoltare il tuo corpo e spegni tutti gli altri "rumori".

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...