martedì 19 novembre 2013

Cinquantaduesima settimana

Caro Diario,
 non è mai tardi per imparare.
 Impiego un anno esatto per capire una cosa di me: non sono multitasking.
 Non posso dedicarmi a risolvere tutte le emergenze in contemporanea: se voglio arrivare a un dunque, ho bisogno di concentrarmi su una sola per volta. Ho delle priorità, io.
 Che bella parola "priorità"! L'associo a sorrisi spontanei e caldi, e al senso di pienezza che solo i problemi risolti sanno regalare. 
 Scopro che la mia priorità non è curare me stessa (non vado poi così male: ancora non cado a pezzi), né curare gli interessi (sono in attesa di un loro habitat naturale). E non è nemmeno curare gli affetti: noi tre sappiamo il bene che ci vogliamo e questo è già una conquista.
 La priorità assoluta è la casa. Perché la casa è il focolare domestico e se la fiamma si spegne non c'è più calore. E' un nido sull'albero e se si spelacchia rovinerà a terra. Lo capisco dopo sei anni.
 Sei anni in cui lui si occupa di ristrutturare la casa e io di organizzarla: se ogni cosa avrà il suo posto, anche noi troveremo il nostro.
 
 
(-5; determinazione: mica male; umore: idem; obiettivo: non smettere mai d'imparare; risultato: a buon punto)

6 commenti:

  1. Bellissimo finale... perfetto direi! Oddio, vorrei scriverlo sul muro del mio studio, posso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi! Mi fa molto piacere che le illuminazioni improvvise possano illuminare anche altri ^_^

      Elimina
  2. MI piace la tua analisi... e la conclusione!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte mi si rischiara il cervello e riesco a vedere le cose per quelle che sono. A volte... ;-)

      Elimina
  3. Hai proprio ragione Ale, il segreto è affrontare una cosa alla volta.
    Isa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...